Dal territorio

Dal territorio

news 0

UGL AGRICOLI
“Controlli più stringenti e mobilità degli ispettori”
“Per contratto la paga giornaliera di un bracciante agricolo è 65 euro –
specifica Franco Arena, segretario regionale UGL Agricoli – in alcuni casi
esiste sicuramente il caporalato che chiede la restituzione di una parte
del guadagno giustificandolo per trasporto al posto di lavoro o per pagare
alloggi fatiscenti. Il governo regionale e quello nazionale, dovrebbero
assolutamente rafforzare l’attività degli Ispettorati del Lavoro presenti
sul territorio, mediante l’abbandono di un approccio formalistico e
generalizzato e attuando piuttosto una concentrazione di interventi che
ponga l’attenzione sulle violazioni sostanziali delle norme contrattuali,
della sicurezza sul lavoro, delle disposizioni di legge anche attraverso
controlli incrociati con l’Inps e l’Inail”.
“Serve una maggiore mobilità degli ispettori rendendoli capaci di essere
sempre più presenti, soprattutto nei luoghi dove si consuma il dramma di
persone sfruttate perché deboli e impotenti. In sede Ars – precisa Arena –
l’assessore Edy Bandiera si sta interessando sicuramente al problema del
caporalato di tutto il settore agricolo florovivaista. Come Ugl chiediamo
una stretta sui controlli in un settore che consideriamo trainante per la
nostra economica”

Da “La Sicilia”, 1 dicembre 2018